Archivi categoria: l’angolo del mangiar sano

Perché aggiungere solfiti nei Vini.

Vini biologici

Solo Vini Genuini

Vini senza solfiti aggiunti è possibile?

A cosa servono i solfiti aggiunti nei Vini?

L’enologia corrente ritiene indispensabile l’impiego dell’anidride solforosa perché consente di mantenere sotto controllo lo stato microbico e ossidativo del mosto-vino con relativa facilità e contenendo al minimo le spese.

L’IMPIEGO DI FUMI  di anidride solforosa, prodotto dalla combustione di zolfo per risanare i tini è una pratica molto antica.

Il suo utilizzo in vinificazione, invece, risale al periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale e si è diffuso enormemente nonostante gli evidenti rischi per la salute.

La FDA (Food and Drug Administration) statunitense ne ha proibito l’uso sui cibi da consumare freschi e la Svizzera e l’Australia hanno vietato l’impiego

In effetti, oltre che in vinificazione, i solfiti vengono usati in moltissimi alimenti:

Baccalà, gamberi, crostacei freschi o congelati, frutta secca, prodotti sottaceto e sottolio, marmellate, etc.

Proprio per questo, la dose giornaliera ammissibile di anidride solforosa per l’uomo stabilita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità viene spesso superata con facilità, anche da un bevitore moderato.

Vini Senza solfiti Aggiunti, impossibile?

No è Possibile

Meglio biologico

Ecco perché alcuni disciplinari di agricoltura biologica  hanno dimezzato i limiti di legge consentiti per i vini convenzionali.

Alcuni viticoltori più sensibili e coraggiosi oggi vinificano senza aggiunta di SO2(anidride solforosa).

Per fare questo è necessario programmare la vinificazione sin dal vigneto tornando ad una vigna senza chimica e meno tecnologica in modo da ottenere vini unici, inimitabili.

La coltivazione deve essere biologica o biodinamica, rispettosa della zona del vitigno, evitando forzature come irrigazione, concimazioni chimiche e antiparassitari sistemici che tendono a stimolare la produzione quantitativa della pianta a scapito di quella qualitativa.

Vino buono in corpore sano!

In questo modo il vino acquista valore anche come integratore alimentare e si può inserire nella dietetica clinica perché vengono esaltate le proprietà medicamentose dell’uva.

Questi vini senza solfiti aggiunti SO2 sono più ricchi di antiossidanti, come i poli-fenoli e in modo particolare di Resveratrolo, dalle note proprietà anti-cancerogene.

Questo antiossidante, ritenuto una vera e propria fonte di giovinezza, in verità è stato trovato essere attivo nel ridurre il colesterolo LDL, o cattivo, prevenire le malattie cardiache e cardiovascolari, e anche il cancro.

Altri benefici, oltre al effetto  anti-invecchiamento sarebbero un’azione benefica contro l’infiammazione organica e nel controllo del metabolismo.

Ma come fa il Resveratrolo a essere così benefico, come una sorta di tutto fare?

A dare finalmente una risposta sarebbero stati i ricercatori dell’Università della Florida – The Scripps Research Institute (TSRI), che hanno identificato una delle vie molecolari che il Resveratrolo utilizza per produrre la sua azione benefica.

Un vino che oltre ad essere piacevole al gusto, dà forza e coraggio per affrontare gli eventi della vita, vivo e ricco di energia vitale.

Un Vino ottenute da uve sane che non contengono chimica e che vengono vinificate utilizzando il minimo indispensabile di solfiti non fa venire il mal di testo e bruciori di stomaco.

Vuoi sapere quello che Bevi?

Leggi l’etichetta solo così puoi capire se un vino è Genuino o meno.

Noi siamo per la Qualità non siamo interessati alla quantità a discapito della Qualità.

Scopri i Nostri Vini Genuini prodotti  con uve da vino coltivate con metodo d’agricoltura biologica e ottenuti direttamente nella cantina aziendale.

Solo Vini Genuini

Solo Vini Genuini

Salumi Genuini

I nostri salumi parlano da soli

 

 

Quando nel 2000 ho iniziato a produrre i miei primi salumi con la carne dei miei porci che allevavo e allevo allo stato semi-brado e secondo natura mi è venuto spontaneo chiamarli Salumi Nostrani Lucani perché ritenevo che oltre ad essere dei Salumi Genuini erano anche Nostrani cioè della mia azienda,del mio paese,dei miei luoghi, come quelli fatti in case anche se in quantità maggiore.

Dei Salumi Caserecci non industriali ma fatti alla nostra maniera come si usava e si usa nei nostri paesi della Lucania(Basilicata).

Poi mi sono reso conto osservando i salumi di altri produttori che i loro salumi portavano la stessa dicitura”Nostrani” ma che di nostrano non avevano un bel niente eccetto che erano o sono realizzati in salumifici situati sul nostro territorio con carne proveniente da chi sa dove e con l’ utilizzo di Conservanti,Latte in polvere e zuccheri(saccarosio e glucosio).

Allora decisi di chiamarli Fiordisalumi i Senza Conservanti. l’idea del Fior mi è venuta osservando i miei porci che in primavera nei pascoli si nutrivano e si nutrono anche dei fiori spontanei che nascono insieme alle erbe.

Senza conservanti perché appunto non usandoli sono Genuini,Caserecci,Nostrani ma non perché sono fatti in Basilicata ma perché sono prodotti o meglio tutta la produzione dall’allevamento alla lavorazione e trasformazione viene realizzata in Basilicata secondo le tradizione dei nostri paesi e le ricette tramandate dalle nostre Nonne e Mamme.

Per saperne di più visita il sito:

www.salumionline.it Continua a leggere

Vegani & Vegetariani non vogliono bene agli animali.Vi spiego Perché?

salumi senza conservanti

Porci liberi al pascolo

Voglio farti una domanda:

Secondo Te se qualcuno non si prendesse cura degli animali domestici
(Pecore,Capre,Asini,Cavalli,Porci,Galline,Bovini,Oche,Tacchini ecc.ecc.ecc).

Cosa succederebbe?

Te lo spiega Nandino:

La loro estinzione come specie non soltando come razza, cosa già avvenuta per alcune razze negli anni trascorsi (razze autoctone scomparse perchè non produttive come le altre).

Sono d’accordo totalmente che gli animali, non devono essere maltrattati, non devono soffrire, non devono essere sfruttati, devono vivere bene, ma, non posso accettare che i Vegani e Vegetariani dicano che ” vogliamo bene agli animali” e per questo non bevono latte, non mangiamo formaggi, non consumano carne, ecc.ecc.ecc..

Tutto ciò non è vero, è falso perché così facendo si mette indiscussione la vita degli animali e l’equilibrio ambientale, perchè tutti gli animali sono parte integrale del sistema ecologico-ambientale.

Ti spiego il perchè facendoti un esempio pratico, “reale”.

Ho liberato undici anni fà dei maiali carcerati per farli diventare liberi Porci, per farli vivere bene, per accudirli nel miglior modo possibile ma mi dici come avrei fatto a fare tutto ciò se non sacrificavo una parte di loro. Come avrei potuto dar vita alla loro specie ?

Come avrei fatto e faccio tutti i giorni a dar loro da mangiare e a prendermi cura di loro, quando non c’è pascolo a disposizione e ho bisogno dei cereali per nutrirli, come faccio ? e come faccio a pagare il collaboratore che insieme a me li accudisce e come faccio a dar da mangiare alla mia famiglia se mi occupo a tempo pieno solo di loro?

Tu Vegano o Vegetariano andando a lavorare fai dei sacrifici per i tuoi figli per farli crescere, i genitori degli animali quali sacrifici fanno per dar da mangiare ai propri figli?

Il motivo per cui uno vende il latte della mucca, della pecora o della capra o l’uovo della gallina o la carne dei porci è perché la maggior parte di quei soldi che ricava gli servono per alimentare e accudire il resto degli animali altrimenti non esisterebbero, oltre a mantenere lui, la sua famiglia e i suoi collaboratori.

Allora smettetela di ereggervi a difesa degli animali dicendo delle assurdità (causando danni sia agli animali che ai vostri figli).

Impegnamoci invece di concreto nel miglioramente della vita degli animali che si potrebbe anche allungare, ma per fare ciò c’è un costo da pagare, non si può pretendere come dice un vecchio detto.

“Vuoi la moglie Ubriaca e la botte Piena”

Tornando ai miei Porci oltre a vivere liberi, vivono il doppio dei maiali carcerati e potrebbero vivere ancora il doppio se non il triplo, ma per fare tutto questo avrei bisogno di cereali che servono alla loro alimentazione, a non far partorire più le scrofe, non farle più accoppiare col verro, insomma in poche parole fermare il ciclo di vita, la loro esistenza.

Quando ho chiesto ai vegani e vegetariani che mi chiamavano criminale di risolvere questi problemi nessuno mi ha risposto.

Aspetto commenti e se possibile idee e proposte ragionevoli.

Liberiamo gli animali dalle stalle (carceri) e portiamoli nei pascoli vivranno meglio loro, noi e l’ambiente.

Finalmente qualcun’altro ci stà seguendo

I Porci di Nandino al Pascolo

Ho trovato questo articolo su internet scritto dal giornale “La Repubblica” e l’ho voluto postare sul mio blog,perché l’idea del Sig Labadini la Fiordisalumi la già realizzata da più di dieci anni.Ecco l’articolo:

TITOLO

Tutti gli uomini del maiale
Labadini e i suini al pascolo.

Allevatori, produttori di mangimi, ristoratori e macellatori ospiti del titolare dell’azienda di Stradella di Collecchio che ha riunito i rappresentanti della filiera per ridare consistenza a un settore troppo disgregato. L’esperimento di una… prateria per i maiali al posto dei box
di ALESSANDRO TRENTADUE

Tutti gli uomini del maiale Labadini e i suini al pascolo
Se la ride Rolando Labadini mentre più di cento invitati assaggiano i suoi prodotti.
Guarda il produttore di mangime per maiali che versa da bere al veterinario, mentre l’allevatore scherza con il macellatore che triturerà i suoi porcelli.
Ci sono tutti i rappresentanti della filiera alimentare del suino al tavolo del titolare dell’azienda di Stradella di Collecchio, che ieri ha organizzato una cena per farli conoscere a base dei suoi salumi artigianali.

“L’idea non è quella di farci pubblicità – spiega l’ospite mentre stringe mani a destra e a manca – ma di riunire tutti i componenti dell’industria del maiale che a mala pena comunicano tra loro”.

Sì perché troppo spesso, secondo il padrone di casa, manca un contatto tra i professionisti del suino, che a volte addirittura non sanno da chi proviene il mangime per i loro animali, o che fine farà la carne che poi vendono.

“Inoltre manca un’appartenenza al settore – continua Labadini – ognuno pensa al suo interesse e la catena produttiva si indebolisce”.

Qualche esempio? Produttori di mangimi che realizzano cibi scadenti per risparmiare, allevatori che poi li danno ai loro animali pregiudicando la qualità della carne che poi arriva nelle mani dei macellatori. Un danno dopo l’altro nella scala gerarchica degli uomini del maiale.

“Alla fine chi ci rimette è il cliente del ristorante o della gastronomia – conclude l’imprenditore – che si ritrova tra le mani un cattivo prodotto”.

Da qui l’idea di mettere allo stesso tavolo allevatori – per lo più lombardi – e produttori di mangimi, macellatori e titolari di gastronomie. Non solo del parmense, ma provenienti dalle regioni confinanti.

E tutti sembrano andare d’accordo davanti a un piatto di risotto con la pasta di salame. Annuiscono di fronte al cotechino bollente. Diventano ancora più rossi e concordi dopo qualche bicchiere di lambrusco e malvasia.

Ma forse è proprio questa la strategia del padrone di casa.
Veterinario, da trent’anni nel settore zootecnico, Rolando Labadini si occupa di creare ricette per integratori e mangimi naturali che poi vende agli allevatori di maiali soprattutto in Lombardia.

Nell’aprile del 2010 ha rilevato l’azienda di Stradella. Una realtà artigianale con una decina di dipendenti dove – assicura – si producono salumi come si faceva una volta. Senza macchinari moderni e nessun rapporto con la grande distribuzione. E dove si pratica ancora la concia delle carni con il vino. Una mezza bottiglia di malvasia secca di Torrechiara ogni cento chili di impasto. Così per salame e strolghino, e anche nei pezzi interi – culatello, fiocco e coppa – prima di legarli.

SUINI AL PASCOLO Tra le trovate per migliorare la qualità dei suoi prodotti, il prossimo mese Labadini è pronto a partire con l’esperimento dei maiali al pascolo.
Tra i primi in Italia – fatta eccezione delle razze autoctone – ha trovato un terreno a Sant’Andrea Bagni che metterà a disposizione di cinquanta maiali, liberi di muoversi tra i castagneti e nutrirsi con erbe e radici per quattro mesi. Un progetto costoso su cui l’imprenditore ha deciso di puntare, convinto che la carne degli animali che pascolano in diversi ettari a disposizione sia decisamente migliore di quella dei loro colleghi segregati negli angusti box degli allevamenti.

L’articolo finisce Qui.

Nandino il contadino della Fiordisalumi deve però fare un appunto il primo in Italia a liberare i maiali dalle carceri per farli diventare liberi Porci(vedi vari documenti sul web)è stato Nandino .Auguri Dottor Labadini spero un giorno di conoscerla personalmente e speriamo di diventare sempre più numerosi su questa strada per il bene della collettività.